La Riforma Istruzioni per l'uso

Strumenti di sostegno e sviluppo

COS'È

Il nuovo decreto ha introdotto alcuni incentivi fiscali a favore di quanti decidono di investire nelle imprese sociali.

Inoltre, è stata estesa anche alle imprese sociali costituite in forma di società di capitali o di società cooperative, la possibilità di accedere alla raccolta di capitale di rischio tramite piattaforme telematiche (il cosiddetto equity crowdfunding).

Viene inoltre stabilita la deducibilità dei versamenti effettuati dalle imprese sociali stesse a favore dei fondi istituiti per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali.

COME FUNZIONA

DETRAZIONI E DEDUZIONI PER GLI INVESTITORI

Le persone fisiche che effettuano un investimento a favore di un’impresa sociale costituita in forma di società di capitali o di società cooperative, possono detrarre dall’imposta lorda sul reddito una somma pari al 30% della somma investita.

Un’analoga disposizione vale anche per le società che investono nelle suddette imprese sociali, che hanno invece la possibilità di dedurre il 30% della somma investita.

Per entrambe le tipologie di investitori vale la regola per cui l’impresa sociale in questione deve aver assunto tale qualifica da non più di cinque anni.

Inoltre si precisa che:

  • Per le persone fisiche l’ammontare non detraibile nel periodo d’imposta di riferimento (in quanto non capiente), può essere portato in detrazione nei periodi di imposta successivi, ma non oltre il terzo. L’investimento massimo detraibile non può eccedere 1.000.000 di euro in ciascun periodo d’imposta, e deve essere mantenuto per almeno cinque anni. Qualora intervenisse la cessione, anche parziale, di tale investimento, prima dei cinque anni, il contribuente perde il beneficio della detrazione e deve restituire l’importo detratto, oltre agli interessi legali,
  • Per le società l’investimento massimo deducibile non può eccedere 1.800.000 di euro in ciascun periodo d’imposta, e deve essere mantenuto per almeno cinque anni. Vale la medesima disposizione sovra richiamata per cui qualora intervenisse la cessione, anche parziale, di tale investimento, prima dei cinque anni, si procede al recupero a tassazione dell’importo dedotto, oltre al pagamento degli interessi legali.

Si può usufruire delle detrazioni e deduzioni sovra esposte anche qualora si effettui un atto di donazione o si corrisponda un contributo di qualsiasi natura a favore di fondazioni che abbiano acquisito la qualifica di imprese sociali da non più di cinque anni.

EQUITY CROWDFUNDING

Le imprese sociali possono accedere alla raccolta di capitale di rischio tramite piattaforme telematiche regolate dal Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria.

DESTINAZIONE DEL 3% DEGLI UTILI AI FONDI PER LA PROMOZIONE E SVILUPPO DELLE IMPRESE SOCIALI

La riforma ha istituito i “fondi per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali” a cui le imprese sociali possono destinare una quota non superiore al 3% degli utili (o degli avanzi di gestione) netti annuali, dedotte le eventuali perdite maturate negli esercizi precedenti.

Tale versamento può essere effettuato anche a favore della Fondazione Italia Sociale.

Tali versamenti sono deducibili ai fini del calcolo della base imponibile dell’imposta sui redditi, cioè dell’Ires dell’impresa sociale erogante.
Per le cooperative sociali e le altre cooperative che sono imprese sociali resta invece l’obbligo della contribuzione ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione.
I fondi per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali possono essere istituiti dagli enti associativi delle imprese sociali a cui aderiscano almeno mille di queste ultime aventi sede legale in almeno cinque regioni o province autonome, riconosciuti dal Ministero del lavoro, dalle associazioni nazionali del movimento cooperativo e dal Ministero delle dello sviluppo economico (vedi art. 3 del decreto legislativo n° 220 del 2002).
Le somme versate in questi fondi sono destinate esclusivamente alla promozione ed allo sviluppo delle imprese sociali mediante il finanziamento di progetti aventi tali scopi. 

COSA CAMBIA/COSA INTRODUCE

Le agevolazioni fiscali per gli investitori nelle imprese sociali sono una novità della riforma, così come l’istituzione dei fondi per la promozione e sviluppo delle imprese sociali.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 112 “Revisione della disciplina in materia di impresa sociale”: artt. 16, 18

ABROGAZIONI

Decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 155 “Disciplina dell'impresa sociale”

ENTRATA IN VIGORE

L’efficacia delle disposizioni fiscali sulle imprese sociali sono subordinate all’autorizzazione della Commissione europea, richiesta a cura del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

La scheda è aggiornata al 20 maggio 2019.

Torna su