banner

La normativa per tutti

Controlli e sanzioni

Print Friendly, PDF & Email

I controlli sugli enti del Terzo settore (Ets) sono finalizzati ad accertare una serie di aspetti.

Eccoli:

  • la sussistenza e la permanenza dei requisiti necessari all’iscrizione al registro unico nazionale del Terzo settore (Runts);
  • il perseguimento delle finalità civiche, solidaristiche o di utilità sociale;
  • l’adempimento degli obblighi derivanti dall’iscrizione al Runts;
  • il diritto di avvalersi dei benefici anche fiscali e del 5 per mille derivanti dall’iscrizione nel Runts;
  • il corretto impiego delle risorse pubbliche, finanziarie e strumentali, a essi attribuite.

COME FUNZIONA

Esistono diverse forme di controllo esterno nei confronti degli enti del Terzo settore, attuate da diversi soggetti.

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Al fine di garantire l’uniforme applicazione della disciplina legislativa, statutaria e regolamentare applicabile agli Ets, il ministero del Lavoro e delle politiche sociali:

  • vigila sul sistema di registrazione degli enti del Terzo settore nel rispetto dei requisiti previsti dal codice e monitora lo svolgimento delle attività degli uffici del Runts operanti a livello regionale;
  • promuove l’autocontrollo degli enti del Terzo settore autorizzandone l’esercizio da parte delle reti associative nazionali e dei centri di servizio per il volontariato (Csv);
  • predispone e trasmette alle Camere, entro il 30 giugno di ogni anno, una relazione sulle attività di vigilanza, monitoraggio e controllo svolte sugli enti del Terzo settore. A tal fine, acquisisce anche le relazioni delle Regioni e Province autonome sulle attività di iscrizione degli enti al Runts, e dell’Organismo nazionale di controllo (Onc), sull’attività e lo stato dei Csv.
UFFICIO DEL REGISTRO UNICO NAZIONALE DEL TERZO SETTORE

L’ufficio del Runts territorialmente competente vigila sugli Ets aventi sede legale sul proprio territorio, con riguardo:

  • alla sussistenza e permanenza dei requisiti necessari all’iscrizione al registro unico nazionale del Terzo settore (Runts);
  • al perseguimento delle finalità civiche, solidaristiche o di utilità sociale;
  • all’adempimento degli obblighi derivanti dall’iscrizione al Runts.

Lo stesso ufficio può disporre accertamenti documentali, visite ed ispezioni, anche avvalendosi della collaborazione di altri uffici territoriali.

In caso di irregolarità, l’ufficio del Runts adotta le seguenti sanzioni pecuniarie:

  • da 5.000 euro a 20.000 euro per violazione del divieto di distribuzione degli utili, a carico dei rappresentanti legali e i componenti degli organi amministrativi che hanno commesso o che hanno concorso a commettere la violazione;
  • da 1.000 euro a 5.000 euro in caso di violazione delle norme sulla devoluzione del patrimonio residuo, a carico dei rappresentanti legali e i componenti degli organi amministrativi che hanno commesso o che hanno concorso a commettere la violazione;
  • da 103 euro a 1.032 euro per il mancato o incompleto deposito nel Runts degli atti prescritti, a carico degli amministratori;
  • da 2.500 euro a 10.000 euro per l’utilizzo illegittimo delle denominazioni di Ets, Aps o Odv. La sanzione è raddoppiata se l’illegittimo utilizzo è finalizzato ad ottenere da terzi l’erogazione di denaro o di altre utilità.

Le sanzioni sono versate nel bilancio dello Stato, secondo modalità da definirsi con decreto del ministro dell’Economia e delle finanze.

ALTRE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Sul corretto utilizzo delle risorse finanziarie o dei beni immobili o strumentali di qualunque genere concessi agli Ets da parte delle amministrazioni pubbliche, vigilano le amministrazioni stesse.

L’amministrazione finanziaria esercita autonomamente attività di controllo sull’applicazione della normativa fiscale, avvalendosi anche delle notizie trasmesse dall’ufficio del Runts nell’effettuazione dei controlli di sua competenza.

L’atto di accertamento deve essere preceduto, a pena di nullità, da un invito all’ente a comparire per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento.

L’amministrazione finanziaria, a seguito dell’attività di controllo, trasmette gli atti all’ufficio del Runts, che valuta se ricorrono i presupposti per la cancellazione dal registro.

CONSIGLIO NAZIONALE DEL TERZO SETTORE

Il Consiglio nazionale del Terzo settore – istituito presso il ministero del Lavoro e delle politiche sociali – è coinvolto nelle funzioni di vigilanza, monitoraggio e controllo, con il supporto delle reti associative nazionali.

Tale organo è presieduto dal ministro del Lavoro e delle politiche sociali o da un suo delegato, ed è composto da esperti in materia di Terzo settore, oltre che da componenti designati dal mondo del Terzo settore, rappresentanti delle autonomie regionali e locali, componenti designati dall’Istat e dell’Inapp, nonché dal direttore generale del Terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese del ministero del Lavoro e delle politiche sociali.

CASI SPECIFICI

IMPRESE SOCIALI

Per le funzioni ispettive sulle imprese sociali, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali si avvale dell’Ispettorato nazionale del lavoro; può anche avvalersi di enti associativi riconosciuti, cui aderiscano almeno mille imprese sociali iscritte nel registro delle imprese di almeno cinque diverse Regioni o Province autonome, e delle associazioni nazionali di rappresentanza, assistenza, tutela e revisione del movimento cooperativo.

In caso di accertata violazione delle disposizioni previste dalla legge, il soggetto responsabile dell’attività ispettiva diffida gli organi di amministrazione dell’impresa sociale a regolarizzare i comportamenti illegittimi entro un congruo termine. In caso di ostacolo allo svolgimento dell’attività ispettiva o di mancato rispetto della diffida, il Ministero può nominare un commissario designato appositamente per questo, anche nella persona del legale rappresentante dell’impresa sociale, che ne affianchi gli organi e provveda allo specifico adempimento richiesto.

Nel caso di irregolarità non sanabili o non sanate il Ministro vigilante dispone la perdita della qualifica di impresa sociale e la devoluzione del fondo come previsto dalla legge.

Contro tali provvedimenti sanzionatori è ammesso ricorso dinanzi al giudice amministrativo.

COOPERATIVE SOCIALI

Le cooperative sociali sono sottoposte ai controlli e alle revisioni previsti dalle previgenti normative, svolte in particolare dalle Centrali cooperative.

FONDAZIONI DEL TERZO SETTORE

Le fondazioni del Terzo settore, come tutte le fondazioni, sono soggette a controlli dell’autorità governativa. In questo caso, tali controlli sono esercitati dall’ufficio del registro unico nazionale del Terzo settore.

CENTRI SERVIZI PER IL VOLONTARIATO

Csv sono oggetto di ulteriori controlli da parte dell’Organismo nazionale di controllo (Onc), che opera anche attraverso le sue articolazioni territoriali, gli Organismi territoriali di controllo (Otc).

5 PER MILLE

I beneficiari del riparto del contributo del 5 per mille sono soggetti a specifici obblighi di rendicontazione e trasparenza.

COSA CAMBIA/COSA INTRODUCE

Il codice prevede dei controlli specifici sugli Ets, e in particolare dei requisiti richiesti per l’iscrizione nel Runts.

Cambia inoltre il regime dei controlli fiscali e dei requisiti di trasparenza per l’attribuzione del 5 per mille.

NORMATIVA E ATTI DI RIFERIMENTO

Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 “Codice del Terzo settore”: artt. 13, 29, 30, 31, 58-60, 66, 82, 83, 90-96

Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 112 “Revisione della disciplina in materia di impresa sociale”: art. 15

ENTRATA IN VIGORE

La normativa sugli Ets in generale è entrata in vigore il 3 agosto 2017, mentre quella sull’impresa sociale il 20 luglio 2017.

Nonostante ciò, le previsioni relative ai controlli e alle sanzioni nei confronti degli Ets in generale saranno applicabili solo quando sarà istituito il Runts e, di conseguenza, saranno operativi gli uffici regionali e provinciali deputati alla gestione dello stesso.

Alle cooperative sociali si applicano le regole sui controlli e le previsioni previste da previgenti disposizioni normative.

Le imprese sociali sono sottoposte ai controlli e alle ispezioni previste dal decreto 112 del 2017, i quali però devono essere disciplinati con decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali di prossima emanazione.

La scheda è aggiornata a dicembre 2020.

La cassetta degli Attrezzi

Gli strumenti utili al non profit

vai alla sezione
cassetta degli attrezzi

Registrati alla Newsletter

Un Progetto di

forum terzo settore
CSVnet