La nuova impresa sociale

L’impresa sociale non è una forma civilistica a sé stante ma è una “qualifica”. È cioè una modalità specifica del “fare impresa” che prescinde dalla forma giuridica dell’organizzazione che la assume. Possono pertanto acquisire la qualifica di impresa sociale tutti gli enti privati sia del libro I (associazioni, fondazioni, comitati) che del libro V del codice civile (cioè società, sia di capitali che di persone, con l’eccezione delle società con un unico socio persona fisica).

Tale qualifica può essere assunta dalle organizzazioni che:

  • esercitano in via stabile e principale un’attività d’impresa di interesse generale;
  • perseguano finalità civiche e solidaristiche, non abbiano scopo di lucro e pertanto limitino la quota di utili che è possibile redistribuire;
  • adottino modalità di gestione responsabili e trasparenti;
  • favoriscano il più ampio coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti interessati alle loro attività.

Come noto, nel codice civile non si definisce l’impresa quanto l’imprenditore come colui che esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi. Pertanto, l’esercizio dell’impresa sociale qualifica pienamente il soggetto come “imprenditore”, anche se, è bene ribadirlo, senza scopo di lucro soggettivo.

Il codice del Terzo settore identifica una specifica sezione del registro unico nazionale del Terzo settore (Runts) dedicata alle imprese sociali, all’interno della stessa sezione sono incluse le cooperative sociali che quindi si qualificano, in automatico e per volontà del legislatore, come imprese sociali.

CHI COINVOLGE

Possono essere qualificate come imprese sociali sia gli enti del Libro I del codice civile (associazioni, fondazioni, comitati), sia gli enti del Libro V e quindi le società costituite ad esempio in forma di Srl o di Spa o le cooperative. Le cooperative sociali e i loro consorzi, come detto, acquisiscono di diritto la qualifica di imprese sociali. A questi ultimi, si applica la disciplina dell’impresa sociale, quando non incompatibile con la normativa specifica (L. 381/91).

CHI ESCLUDE

Non possono acquisire la qualifica di impresa sociale:

  • le società costituite da un unico socio persona fisica: tali soggetti non possono nemmeno controllare direttamente o indirettamente le imprese sociali, né esprimerne il presidente;
  • le amministrazioni pubbliche. La definizione è intesa in senso ampio, che include, tra l’altro: le aziende dello Stato a ordinamento autonomo; i consorzi e associazioni di Regioni, Province, Comuni e comunità montane; le università; gli istituti autonomi case popolari; le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e le loro associazioni; le aziende e gli enti del servizio sanitario nazionale;
  • gli enti i cui atti costitutivi limitino, anche indirettamente, l’erogazione dei beni e dei servizi in favore dei soli soci o associati.

Queste realtà possono essere socie di un’impresa sociale ma non ne possono detenere il controllo o in qualsiasi modo, diretto o indiretto, esercitarne la direzione.

Il fatto che i volontari debbano essere minoritari (oltre che operare in modo complementare e non sostitutivo rispetto ai lavoratori retribuiti), rende di fatto incompatibile la qualifica di impresa sociale con le organizzazioni di volontariato, nella quali i volontari invece devono essere prevalenti.

Di fatto, l’acquisizione della qualifica di impresa sociale può essere esclusa anche per le associazioni di promozione sociale che debbono realizzare le proprie attività “avvalendosi in modo prevalente dell’attività di volontariato dei propri associati”.

Tuttavia è bene ricordare che nell’uno come nell’altro caso, non essendo possibile essere contemporaneamente iscritti in due diverse sezioni del registro unico nazionale del Terzo settore, con l’acquisizione della qualifica di impresa sociale si perderebbero comunque quelle di organizzazione di volontariato o di associazione di promozione sociale e quindi, occorrerebbe comunque una modifica statutaria in tal senso.

Alle imprese sociali si applicano, ove compatibili, tutte le prescrizioni previste per gli enti del Terzo settore, mentre per gli aspetti non disciplinati fa fede il codice civile con riferimento alla forma giuridica “di partenza” dell’impresa sociale.

COME FUNZIONA

COSTITUZIONE E ISCRIZIONE

L’impresa sociale è costituita con atto pubblico, e gli atti costitutivi devono esplicitare il carattere sociale dell’impresa, indicando in particolare l’oggetto sociale, con specifico riferimento alle attività di interesse generale svolte e all’assenza di scopo di lucro.

L’impresa sociale si iscrive in un’apposita sezione del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede legale. Tale iscrizione soddisfa il requisito dell’iscrizione nel registro unico nazionale del Terzo settore.

BASE ASSOCIATIVA

I soci – la cui ammissione è coerente con principi di non discriminazione – possono essere persone fisiche e giuridiche (anche profit), nonché pubbliche amministrazioni. È necessario, inoltre, avere un organo direzionale i cui componenti siano individuati tra i soci, mentre una parte minoritaria può anche essere individuata tra persone esterne all’ente.

ATTIVITÀ

Deve esercitare l’attività di impresa in modo stabile e prevalente. Deve operare per una quota pari ad almeno il 70% dei ricavi in attività di interesse generale (per sapere quali vedi l’art. 2 del dlgs 112/2017), o anche svolgere attività diverse laddove attraverso di esse siano inseriti almeno il 30% di lavoratori svantaggiati.

Alcune attività di interesse generale previste dalla normativa generale degli enti di Terzo settore, inoltre, non possono essere esercitate dall’impresa sociale e viceversa.

LAVORO E VOLONTARIATO

La maggioranza delle persone che operano nell’impresa sociale lo deve fare nell’ambito di un rapporto di lavoro: i volontari, quindi, devono essere minoritari.

L’impresa sociale deve favorire il coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri stakeholder attraverso meccanismi consultivi e/o partecipativi, statutariamente previsti. Il coinvolgimento deve essere effettivo, e quindi prevedere meccanismi di consultazione o partecipazione che consentano a tali soggetti di esercitare un’influenza sulle decisioni dell’impresa sociale, e soprattutto su quelle che incidono sulle condizioni di lavoro e sulla qualità dei beni o dei servizi.

Le forme e le modalità di coinvolgimento devono essere riportate nel bilancio sociale. I lavoratori ed eventualmente gli utenti devono nominare almeno un componente dell’organo di amministrazione e uno dell’organo di controllo quando le imprese sociali non siano società cooperative a mutualità prevalente e superino due tra i seguenti limiti: un totale dell’attivo dello stato patrimoniale di 2.2. milioni di euro; ricavi delle vendite e delle prestazioni di 4.4 milioni di euro; 25 dipendenti occupati in media durante l’esercizio.

L’impresa sociale deve assicurare ai lavoratori un trattamento economico non inferiore a quello previsto nei contratti collettivi di lavoro e prevedere una differenza retributiva tra dipendenti che non superi il rapporto uno a otto, documentando come tale parametro sia effettivamente rispettato.

TRASPARENZA

L’impresa sociale deve adottare modalità di gestione responsabili e trasparenti; a tal fine è richiesto di tenere registrazioni contabili, redigere il bilancio di esercizio, depositarlo presso il registro delle imprese e pubblicarlo sul proprio sito internet; deve inoltre dotarsi di un collegio sindacale come organo di controllo interno statutariamente previsto, nonché, raggiunti certi limiti dimensionali, di un revisore legale.

In sostanza, un’impresa sociale deve assumere gli obblighi di trasparenza cui sono tenute le imprese. Le imprese sociali sono sempre tenute alla redazione e pubblicizzazione del bilancio sociale, indipendentemente dalla loro dimensione economica e forma giuridica. È inoltre prevista per tutte le imprese sociali un’attività ispettiva simile alla revisione cui sono sottoposte le cooperative, svolta dal Ministero del Lavoro, che per tale accertamento può avvalersi di enti associativi riconosciuti, cui aderiscano almeno mille imprese sociali di almeno cinque diverse Regioni.

PATRIMONIO

In caso di trasformazione, fusione o scissione di una impresa sociale, va evitato che il patrimonio accumulato grazie all’attività svolta dall’ente mentre era configurato come impresa sociale sia reso divisibile e quindi fruibile privatamente. Quindi non è possibile, ad esempio, accumulare un patrimonio come impresa sociale e poi essere incorporati, con il proprio patrimonio, entro un’impresa for profit. Allo scioglimento dell’impresa sociale il patrimonio va devoluto, sul modello delle società cooperative, a specifici fondi.

OBBLIGHI E DIVIETI

DENOMINAZIONE

La denominazione dell’impresa sociale, i relativi atti e la corrispondenza, devono contenere l’indicazione di “impresa sociale”. Tale indicazione, o indicazioni equivalenti o ingannevoli, non può essere usata da soggetti diversi dalle imprese sociali.

STRUTTURA PROPRIETARIA E CARICHE SOCIALI

All’attività di direzione e coordinamento di un’impresa sociale si applicano, in quanto compatibili, le norme del codice civile sulla direzione e coordinamento di società e sul gruppo cooperativo paritetico. La presidenza dell’impresa sociale, inoltre, non può essere affidata neanche ai rappresentanti di società costituite da un unico socio persona fisica, amministrazioni pubbliche e gli enti con scopo di lucro.

Per direzione e coordinamento si intende il fatto che un soggetto abbia – realmente o per previsione statutaria – la facoltà di nominare la maggioranza dei componenti dell’organo di amministrazione dell’impresa sociale.

Per controllo, invece, si intende il fatto che un soggetto possa determinare la maggioranza dei voti o che comunque – grazie ai voti che detiene o a eventuali vincoli contrattuali – può esercitare un’influenza dominante nell’assemblea ordinaria.

In caso di violazione del divieto, le decisioni assunte sono annullabili e possono essere impugnate entro 180 giorni. L’impugnazione può essere fatta anche dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

L’atto costitutivo o lo statuto possono riservare a soggetti esterni all’impresa sociale la nomina di componenti degli organi sociali. In ogni caso, spetta comunque all’assemblea degli associati o dei soci la nomina della maggioranza dei componenti dell’organo di amministrazione. Inoltre, l’atto costitutivo deve prevedere specifici requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza per coloro che assumono cariche sociali.

SCRITTURE CONTABILI

L’impresa sociale deve depositare presso il registro delle imprese e pubblicare nel proprio sito internet il bilancio sociale secondo linee guida adottate con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, tenendo conto, tra gli altri elementi, della natura dell’attività esercitata e delle dimensioni dell’impresa sociale, anche ai fini della valutazione dell’impatto sociale delle attività svolte.

COMODATO DA ENTI PUBBLICI

Per le imprese sociali non vale la possibilità – esistente per tutti gli enti del terzo settore – di ricevere in comodato da enti pubblici beni mobili e immobili di loro proprietà, non utilizzati per fini istituzionali.

ASSENZA DI SCOPO DI LUCRO

Le imprese sociali costituite in forma di società secondo le indicazioni del Libro V del codice civile (escluse quindi associazioni e fondazioni, che non possono, anche se qualificate come imprese sociali, distribuire in alcun modo utili), possono destinare eventuali utili ed avanzi di gestione a finalità diverse dallo svolgimento dell’attività statutaria o dall’incremento del patrimonio.

Come?

1) Rispetto agli altri Ets, le imprese sociali possono redistribuire gli utili entro certi limiti.

Per le imprese sociali in forma di società, questa limitata distribuzione degli utili può avvenire:

  • sotto forma di rivalutazione o aumento della quota versata dal socio, nei casi di aumento gratuito del capitale disciplinati dalla legge. Secondo la normativa, quindi, l’impresa sociale può destinare ad aumento gratuito del capitale una quota inferiore al 50% degli utili e degli avanzi di gestione annuali (dedotte eventuali perdite maturate negli esercizi precedenti, ad aumento gratuito del capitale sociale), nei limiti delle variazioni dell’indice nazionale generale annuo dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e di impiegati, calcolate dall’Istituto nazionale di statistica (Roi) per il periodo corrispondente a quello dell’esercizio sociale in cui gli utili e gli avanzi di gestione sono stati prodotti. In questo caso, il socio mantiene comunque il diritto al rimborso della quota in tal modo aumentata.
  • sotto forma di una limitata distribuzione di dividendi ai soci, anche mediante aumento gratuito del capitale sociale o l’emissione di strumenti finanziari, che può avvenire in misura comunque non superiore all’interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato.

Inoltre, le cooperative sociali possono ripartire ai soci i ristorni a condizione che le modalità e i criteri di ripartizione siano indicati nello statuto o atto costitutivo. È necessario inoltre che la ripartizione degli storni ai soci sia proporzionale alla quantità o alla qualità degli scambi mutualistici e che si registri un avanzo di gestione mutualistico.

2) A tutte le imprese sociali, infine, è consentito di destinare eventuali utili ed avanzi di gestione a finalità diverse dallo svolgimento dell’attività statutaria o dall’incremento del patrimonio. In particolare, esse possono destinare:

  • una quota inferiore al 50% degli utili e degli avanzi di gestione annuali (dedotte eventuali perdite maturate negli esercizi precedenti) a erogazioni gratuite in favore di enti del terzo settore diversi dalle imprese sociali, che non siano fondatori, associati, soci dell’impresa sociale o società da questa controllate, finalizzate alla promozione di specifici progetti di utilità sociale;
  • una quota non superiore al 3% degli utili netti annuali (al netto delle perdite maturate degli anni precedenti) ai fondi per la promozione o lo sviluppo delle imprese sociali istituiti dalla Fondazione Italia Sociale o da altri enti. Le cooperative sociali sono invece obbligate a tale destinazione.

Si ricorda, inoltre, un’impresa sociale costituita in forma di società, deve comunque destinare almeno il 50% dell’utile allo svolgimento dell’attività statutaria o all’incremento del patrimonio. Questa parte di utile non è sottoposta a tassazione.

Si ricorda, inoltre, che come per tutti gli Ets, è vietata:

  • la corresponsione a amministratori, sindaci o altre cariche sociali di compensi non proporzionati all’attività svolta o comunque ai livelli di mercato;
  • la corresponsione ai lavoratori di compensi superiori oltre il 40% ai contratti di lavoro;
  • la remunerazione sopra mercato di strumenti finanziari;
  • l’acquisto di beni o servizi oltre il prezzo di mercato;
  • la cessione di beni o servizi a soci a condizioni inferiori a quelle di mercato.

In sostanza, si vuole evitare che l’utile non si formi all’origine attraverso mezzi tesi a distribuire risorse a stakeholder dell’impresa mascherandole come transazioni di mercato.

CASI SPECIFICI

Le cooperative sociali sono imprese sociali di diritto ma le indicazioni si applicano in misura in cui sono compatibili con la disciplina specifica; laddove invece vi siano norme specifiche relative alla forma cooperativa, come ad esempio nel caso delle attività di interesse generale, della gestione degli utili e della trasformazione della società, queste ultime prevalgono rispetto a quanto previsto in sede di disciplina dell’impresa sociale.

Agli enti religiosi civilmente riconosciuti, la disciplina dell’impresa sociale si applica limitatamente allo svolgimento delle attività di interesse generale, a condizione che per tali attività adottino un regolamento, in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata, che recepisca la normativa valida per l’impresa sociale.

Per lo svolgimento delle medesime attività deve essere costituito un patrimonio destinato e devono essere tenute separatamente le scritture contabili.

Tali enti sono tenuti al deposito nel registro delle imprese solo del regolamento e delle sue modificazioni. Inoltre, sono esentati dall’obbligo di utilizzare l’indicazione di “impresa sociale” nella denominazione, negli atti e nella corrispondenza, nonché dall’obbligo di coinvolgimento dei lavoratori e degli utenti e di altri soggetti direttamente interessati alle loro attività.

Non sono soggette all’obbligo di iscrizione nella sezione delle imprese sociali nel registro delle imprese le società di mutuo soccorso che hanno un versamento annuo di contributi associativi non superiore a 50.000 euro e che non gestiscono fondi sanitari integrativi.

COSA CAMBIA/COSA INTRODUCE

Il codice del Terzo settore provvede al riordino della disciplina sull’impresa sociale, di cui viene data definizione nella legge di delega.

Tra le novità:

  • cooperative sociali e loro consorzi acquisiscono di diritto la qualifica di impresa sociale;
  • la nozione di interesse generale sostituisce quella di “utilità sociale” con l’aggiunta di nuove possibili attività;
  • si introducono delle eccezioni al divieto di ripartizione degli utili;
  • introdotte nuove norme sulla trasparenza e sulle scritture contabili;
  • previste forme di coinvolgimento dei lavoratori e degli utenti e di altri soggetti direttamente interessati alle loro attività;
  • si introducono importanti agevolazioni fiscali per i finanziatori di nuove imprese sociali;
  • è prevista la completa defiscalizzazione degli utili destinati allo svolgimento dell’attività statutaria o all’incremento del patrimonio.

NORMATIVA E ATTI DI RIFERIMENTO

Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 112 “Revisione della disciplina in materia di impresa sociale”

Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 “Codice del Terzo settore”: artt. 11, 40, 46, 71

Legge 8 novembre 1991, n. 381 “Disciplina delle cooperative sociali”

Decreto Legge 34/2019 (Dl Crescita): art. 43 comma 4 bis

Codice civile

ABROGAZIONI

Decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 155 “Disciplina dell’impresa sociale”

ENTRATA IN VIGORE

La normativa relativa agli enti del Terzo settore è entrata in vigore il 3 agosto.

La normativa sull’impresa sociale è entrata in vigore il 20 luglio 2017.

REGIME TRANSITORIO

Le imprese sociali già costituite al momento dell’entrata in vigore del presente decreto, si adeguano alla normativa entro il 31 marzo 2021. Entro il medesimo termine, esse possono adeguare i propri statuti deliberando con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria.

La scheda è aggiornata a dicembre 2020.

La cassetta degli Attrezzi

Gli strumenti utili al non profit

vai alla sezione
cassetta degli attrezzi

Registrati alla Newsletter

Un Progetto di

forum terzo settore
CSVnet