Organismi territoriali di controllo – Otc

Print Friendly, PDF & Email

COS'È

Gli organismi territoriali di controllo (Otc) sono uffici territoriali dell’Organismo nazionale di controllo (Onc), privi di autonoma personalità giuridica, chiamati a svolgere funzioni di controllo dei centri di servizio per il volontariato (Csv) nell’ambito territoriale di riferimento (individuato dalla norma in quindici), in conformità alle norme del Codice del terzo settore, dello statuto e delle direttive dell’Onc. Gli Otc non hanno una propria autonomia regolamentare, in qunto il loro regolamento deve essere approvato dall’Onc.

COME FUNZIONA

Su tutto il territorio nazionale sono previsti 15 Otc (7 di competenza regionale e 8 pluriregionale):

Ambito 1: Liguria

Ambito 2: Piemonte e Val d’Aosta

Ambito 3: Lombardia

Ambito 4: Veneto

Ambito 5: Trento e Bolzano

Ambito 6: Emilia-Romagna

Ambito 7: Toscana

Ambito 8: Marche e Umbria

Ambito 9: Lazio e Abruzzo

Ambito 10: Puglia e Basilicata

Ambito 11: Calabria

Ambito 12: Campania e Molise

Ambito 13: Sardegna

Ambito 14: Sicilia

Ambito 15: Friuli Venezia Giulia.

COMPONENTI

La composizione di ciascun Otc è variabile in base all’ampiezza dell’ambito territoriale di riferimento. Essa, tuttavia, riflette la composizione mista dell’Onc, assicurando una prevalenza agli esponenti designati dalle Fob e con la partecipazione dei diversi stakeholder (esponenti delle Odv del territorio; Anci - associazione nazionale dei comuni italiani; Regione). I componenti dell'Otc sono nominati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, durano in carica tre anni (con possibilità di proroga), per un massimo di tre mandati consecutivi. La partecipazione all’Otc non può dare luogo ad emolumenti a favore dei componenti, gravanti sul Fun o sul bilancio dello Stato (ma è possibile che gravino su altre fonti).

Gli Otc competenti su 1 regione - e quindi Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Calabria, Sardegna, Sicilia e Friuli Venezia Giulia - sono composti da:

  • 4 membri, di cui uno con funzioni di presidente, designati dalle Fob;
  • 1 membro, espressione delle organizzazioni di volontariato del territorio, designato dall'associazione degli enti del terzo settore più rappresentativa sul territorio di riferimento in ragione del numero di enti del terzo settore ad essa aderenti;
  • 1 membro designato dalla Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci);
  • 1 membro designato dalla regione.

Gli Otc competenti su 2 regioni - e quindi Piemonte e Val d'Aosta, Trento e Bolzano, Marche e Umbria, Lazio e Abruzzo, Puglia e Basilicata, Campania e Molise - sono composti da:

  • 7 membri, di cui uno con funzioni di presidente, designati dalle Fob;
  • 2 membri, espressione delle organizzazioni di volontariato del territorio, designati – uno per ciascun territorio di riferimento – dall'associazione degli enti del terzo settore più rappresentativa sul territorio di riferimento in ragione del numero di enti del terzo settore ad essa aderenti;
  • 2 membri designati dalla Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci);
  • 2 membri designati, uno per ciascun territorio di riferimento, dalle regioni o dalle province autonome.

FUNZIONI

Gli Otc nell’esercizio delle loro funzioni, sono tenuti al rispetto non solo delle norme del codice del terzo settore, dello statuto e delle direttive Onc, bensì pure a quanto stabilito nel proprio regolamento (adottato dall’Onc) che deve «disciplinarne nel dettaglio le modalità di esercizio». Gli Otc non possano svolgere o finanziare alcuna attività che non sia ricompresa nell’elenco o che sia a questa direttamente connessa.

Le funzioni dell’Otc (il cui operato è controllato dall’Onc) possono essere suddivise:

  1. funzioni decisorie: ripartizione tra i Csv istituiti in ciascuna regione del finanziamento deliberato dall'Onc su base regionale e ammissione al finanziamento della programmazione dei Csv; nomina di un componente dell'organo di controllo interno del Csv con funzione di presidente; predisposizione della relazione annuale sulla propria attività, che inviano entro il 30 aprile di ogni anno all'Onc;
  2. funzioni istruttorie e proposta rispetto a decisioni dell’Onc: ricezione e istruttoria delle domande e dell’accreditamento dei Csv, in particolare verificando la sussistenza dei requisiti di accreditamento; proposta all'Onc dell'adozione di provvedimenti sanzionatori nei confronti dei Csv;
  3. funzioni di controllo: verifica periodica, con cadenza almeno biennale, del mantenimento dei requisiti di accreditamento come Csv; verifica della legittimità e correttezza dell'attività dei Csv in relazione all'uso delle risorse del Fun (e non, quindi, l’attività riferibile alle eventuali attività svolte dall’ente gestore con il supporto di altri fondi), nonché la loro generale adeguatezza organizzativa, amministrativa e contabile.

COSA CAMBIA/COSA INTRODUCE

La nuova configurazione della governance del sistema Onc/Otc comporta il contenimento dei costi e l’ottimizzazione delle risorse disponibili, grazie alla soggettività giuridica riconosciuta esclusivamente in capo all’Onc (e non già anche agli Otc che sono uffici territoriali dell’Onc), alla riduzione alla metà del numero delle persone coinvolte nella programmazione e controllo dei Csv (da 315, dei vecchi Comitati di gestione, a 166, dei nuovi Onc e Otc) e all’uniformità di trattamento sul piano nazionale grazie all’opera di coordinamento svolta dall’Onc (significativa in tal senso la relazione annuale che l’Onc deve presentare al Ministero del lavoro e delle politiche sociale sulla proprie attività e sull'attività e lo stato dei Csv).

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 “Codice del terzo settore”artt. 61, 62, 63, 64, 66

Decreto 19 gennaio 2018  “Costituzione dell'organismo nazionale di controllo”

ABROGAZIONI

Decreto 8 ottobre 1997 “Modalità per la costituzione dei fondi speciali per il volontariato presso le regioni”

ENTRATA IN VIGORE

Dal 03/08/2017 per le norme del codice del terzo settore.

La scheda è aggiornata al 20 maggio 2019.

La cassetta degli Attrezzi

Gli strumenti utili al non profit

vai alla sezione
cassetta degli attrezzi

Registrati alla Newsletter

Un Progetto di

forum terzo settore
CSVnet