Volontariato

RIMBORSO DELLE SPESE

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Compatibilità tra qualifica di presidente e volontario

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_16" titolo_elemento="Il presidente dell’associazione può svolgere egli stesso attività di volontariato nei vari progetti prendendo i rimborsi?"]Sì, purché non percepisca compensi.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Rimborso spese anticipate e rimborso spese del volontario

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_16" titolo_elemento="Si ponga il caso di un ente che, nell’ambito dell’attività con le persone diversamente abili, organizzi un’uscita, ad esempio un fine settimana al mare. Il volontario responsabile dell’uscita riporta la documentazione delle spese effettuate (pagamento con bancomat, a volte in contanti) firma un’autocertificazione di attestazione delle spese, con la descrizione dell’attività svolta. L’associazione paga le spese sostenute sia per le persone diversamente abili coinvolte sia per i volontari. Si tratta di una modalità corretta? Occorre che la modalità suddetta sia supportata da una delibera del Consiglio direttivo? Occorre allegare ogni volta all’autocertificazione del volontario un suo documento di identità?"]È fondamentale distinguere le spese del volontario, sostenute direttamente e oggetto del rimborso, dalla spesa associativa, in base a ciò che viene preventivamente regolamentato. Si consiglia un regolamento approvato dalla assemblea. È possibile nel regolamento, a seconda della propria organizzazione interna, sia prevedere che le spese sostenute per l’intera attività dell’ente siano sostenute direttamente dall’ente (es. pagamento fattura unica albergo) anche con eventuale anticipazione della spesa associativa da parte del volontario e con documenti giustificativi intestati all’ente, sia prevedere che, solo per le spese sostenute dal volontario, si effettui il rimborso delle spese sostenute direttamente dal volontario per l’attività.

L’autocertificazione delle spese è opzionale e vincolata al rispetto dei vincoli indicati dall’art. 17 co.4 del CTS e deve essere sempre accompagnata da copia del documento di identità del dichiarante trattandosi di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (art. 38 dpr 445/2000).[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Quando si tratta di una spesa dell’associazione e quando si tratta di un rimborso spese al volontario?

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_17" titolo_elemento="Nel caso in cui in un’associazione i soci coincidano con i volontari, se un socio richiede un rimborso per una spesa fatta per l’attività di volontariato e questa viene rimborsata in seguito alla documentazione (scontrini e modulo di richiesta di rimborso), deve fare la suddetta spesa solo in nome dell’associazione e quindi richiedendo ricevuta parlante con codice fiscale dell'associazione? Nel caso in cui, ad esempio, un socio chieda il rimborso della scheda SIM del proprio telefono o della linea telefonica domestica, dato che li utilizza anche per le attività di volontariato (comunicazioni telefoniche o via mail o messaggi con gli altri soci). Sarebbe un rimborso ammissibile? O la spesa oggetto di rimborso deve essere solo legata all'attività specifica? Si consideri che l’utilizzo del telefono per le sole attività di volontariato è difficilmente verificabile. Se un socio comprasse un oggetto, poniamo un monitor, per l'associazione, ma senza chiedere la ricevuta parlante con il codice fiscale dell'associazione, non potrebbe quindi poi richiedere il rimborso spese?"]È fondamentale distinguere le spese del volontario, oggetto del rimborso, dalla spesa dell’ente: le prime sono spese che il volontario ha direttamente sostenuto per svolgere l’attività, per esempio vitto, parcheggio, trasporto, e che vengono appositamente regolamentate nei limiti, tipologia e modalità di rimborso. Le seconde sono invece spese dell’ente anticipate dal volontario, e per questa tipologia di spesa, che non rientra nel rimborso spese volontario di cui all’art. 17 CTS, è possibile prevedere che il volontario possa sostenere, anche anticipando l’esborso, una spesa associativa intestando i documenti giustificativi all’ente e, quindi con apposite fatture/scontrini parlanti intestati all’ente.

È sempre consigliato supportare qualunque scelta gestionale sul tema dei rimborsi spese o anticipo spese associative che non sia espressamente descritta in un apposito regolamento associativo, con una apposita delibera dell’organo di amministrazione o del relativo Regolamento.

Solo per il volontario, a prescindere dal suo status anche di associato o meno, è previsto il rimborso delle spese sostenute ex art. 17 dlgs 117/17.

Il regolamento associativo può prevedere, tra le altre, anche il rimborso delle spese telefoniche, interamente o con quota parte, sostenute dal volontario per l’attività associativa. Naturalmente potendo essere complesso quantificare la quota parte di spesa telefonica direttamente sostenuta per una specifica attività associativa, sarà fondamentale regolamentare nel dettaglio con un criterio univoco, questo tipo di rimborso. Si consiglia di acquistare apposite schede telefoniche da dedicare al traffico telefonico associativo, in maniera da poter imputare direttamente la spesa all’ente, anziché utilizzare lo strumento del rimborso spese al volontario.

Alla autocertificazione delle spese (art. 17 co. 4 dlgs 117/17) è sempre necessario allegare copia del documento di identità trattandosi di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (art. 38 dpr 445/2000).[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Rimborso per spese di trasferta anche all’interno dello stesso Comune

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_17" titolo_elemento="Si può prevedere il rimborso delle spese chilometriche sostenute da un consigliere per utilizzo dalla propria auto per il tragitto casa - sede associazione che si trovano nello stesso Comune? Nello specifico, è possibile richiedere il rimborso nel caso in cui questo tragitto viene fatto ogni giorno?"]Si ritiene di no. L’Agenzia delle entrate dell’Emilia-Romagna, interpellata sul tema dal Forum Regionale, offrì questa indicazione il 29 marzo 2012:

QUESITO. Sarebbe utile acquisire alcune linee di indirizzo in merito alle modalità di erogazione dei rimborsi spese per trasferte effettuate dai soci delle associazioni. In particolare, il Forum del Terzo Settore chiede se sia possibile adottare un solo criterio di quantificazione della trasferta (es: € 0,35 a Km) valido per tutti i soci, a prescindere dal veicolo utilizzato, oppure se sia necessario che il Consiglio Direttivo deliberi esclusivamente che il rimborso sia erogato nei limiti delle tabelle ACI, di modo che ciascuno provvederà al relativo calcolo in ragione del veicolo concretamente utilizzato. Si domanda, inoltre, se la trasferta del socio debba intendersi:

  1. dal Comune dove ha sede l'associazione;
  2. dal Comune dove risiede il socio, atteso che lo stesso non è tenuto a recarsi nella sede dell'associazione, non trattandosi di un dipendente;
  3. uno dei due parametri, purché sia adottato un solo criterio per tutti.

Infine, il Forum del Terzo Settore chiede se:

  1. siano ammesse tutte le spese di trasferta e di parcheggio, comprese quelle sostenute nel comune di residenza e/o sede dell’organizzazione, sempre se direttamente connesse all’attività della stessa.

RISPOSTA. Nonostante non esista una disciplina specifica per i rimborsi spese degli associati di un ente è comunque possibile prendere ispirazione dalla disciplina esistente per altri soggetti e da quanto previsto dalla norma sul volontariato.

Qualora gli associati siano legati con l’ente da un rapporto di lavoro dipendente o di natura professionale sarà applicata la specifica disciplina dettata in riferimento a ciascuna categoria reddituale.

In generale, i rimborsi spesa agli associati “volontari” che si recano in trasferta - che devono essere certi, documentati e inerenti all’attività svolta da un ente - possono distinguersi in:

  1. rimborsi in forma analitica o piè di lista;
  2. rimborsi delle indennità chilometriche. Si precisa, inoltre, che il rimborso deve essere sempre di un ammontare congruo rispetto l’effettiva spesa sostenuta, inidoneo quindi a costituire un compenso mascherato, tale da presupporre una forma di distribuzione indiretta degli utili. Al riguardo, si rimanda anche alla risposta fornita da codesta Direzione Regionale ad una richiesta di interpello (n. 17/2010) presentato dall’Associazione Interprovinciale per la Promozione del Volontariato laddove è stato previsto che “è pure opportuno che il rimborso spese risulti da una richiesta scritta fatta dal volontario da cui risulti esplicitamente il legame con una specifica attività svolta in nome e per conto dell’Associazione di volontariato”. Inoltre, nella citata risposta di interpello è stato richiesto che “la documentazione prodotta deve essere opportunamente conservata anche ai fini probatori dell’effettiva natura della somma erogata a titolo di rimborso e resa disponibile qualora fosse richiesta dagli Uffici dell’Amministrazione Finanziaria”.

Pertanto, un’associazione può prevedere il sostenimento di tali spese, definendone criteri e i limiti di rimborso. Ciò determina, di conseguenza la preventiva autorizzazione da parte degli organi direttivi dell’ente al fine di garantirne la compatibilità con i vincoli di bilancio e la loro coerenza rispetto agli scopi istituzionali. Gli associati si considerano in trasferta quando prestano la loro attività al di fuori dall’ambito territoriale del Comune in cui ha sede l’ente non commerciale. Il percorso effettuato dagli associati dalla propria abitazione alla sede dell’ente (e viceversa) non è considerato trasferta.

Si ribadisce che i rimborsi spese per trasferte possono essere concessi solo se:

- correlati all’espletamento dell’attività dell’ente;

- costituiscono una reintegrazione delle spese effettivamente sostenute.

Le principali tipologie di rimborso analitico o piè di lista possono riguardare:

  • Rimborso spese di viaggio

- Indennità chilometrica: deve essere preventivamente autorizzato l’uso del mezzo proprio con verbale del Consiglio direttivo. Solitamente nell’autorizzazione si definisce un costo chilometrico uguale per tutti (€ 0,30- 0,35 a Km) oppure le tariffe ACI.

- Biglietti autostradali.

- Biglietti ferroviari e altri biglietti di servizi pubblici di linea.

- Biglietti aerei (si consiglia l’autorizzazione preventiva del Consiglio direttivo per l’uso dell’aereo per l’entità della spesa che talvolta può essere decisamente superiore alle altre forme di trasporto).

  • Rimborso per vitto e alloggio
  • Taxi e parcheggio: si consiglia di deliberare con verbale del Consiglio direttivo l’autorizzazione al rimborso “taxi” nei casi in cui non può essere utilizzato un altro mezzo di trasporto.

Per le indennità chilometriche, può essere concesso il rimborso a titolo di spesa documentata se:

- è stato preventivamente autorizzato l’utilizzo dell’autovettura per la trasferta;

- è stato indicato il luogo di partenza e di arrivo e il giorno in cui è effettuata la trasferta;

- è stato indicato l’importo rimborsabile per ciascun Km.

La documentazione richiesta per il rimborso analitico può essere costituita da:

- fatture;

- ricevute fiscali o scontrino fiscale “parlante” con i dati e il codice fiscale del sostenitore della spesa;

- nota spese con allegati scontrini, biglietti di trasporto, ecc...

Si precisa, infine, che la trasferta del socio, in caso di divergenza tra Comune in cui si trova la sede dell’Ente e il Comune di residenza dell’associato, si considera decorrente dal Comune più vicino (sia esso il Comune in cui ha sede l’Ente ovvero di quello di residenza dell’associato) alla sede di destinazione finale.

Rispetto al punto d) si considerano rimborsabili solo le spese sostenute in un comune diverso da quello della sede dell’ente.

Si ribadisce, che in ogni caso, il rimborso delle spese di trasferta dovrà essere preventivamente autorizzato dall’Ente con apposita nota specificando le ragioni della trasferta”.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Obbligo di scontrino parlante

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_18" titolo_elemento="L’associazione deve comunque farsi fare lo scontrino parlante?"]Non è obbligatorio ma consigliato.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Documentazione a prova della spesa

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_19" titolo_elemento="La documentazione a prova della spesa deve essere allegata alla scheda di rimborso anche se è una ``autocertificazione``? Può bastare un'autocertificazione riguardo le spese sostenute dal volontario, oppure è obbligatorio avere uno scontrino o una fattura?"]Non deve essere consegnata all’ente ma deve essere conservata dal volontario richiedente unitamente alla richiesta di rimborso.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Rimborsi spese volontari

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_20" titolo_elemento="È previsto un limite massimo di 150,00 euro/mese e 10 euro giornaliere?"]Si, quello è il plafond massimo ma solo per i rimborsi in autocertificazione.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Documento di identità e autocertificazione

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_21" titolo_elemento="Dove è scritto che bisogna allegare il documento di identità obbligatoriamente nell'autocertificazione?"]L’art. 17 del codice del Terzo settore prevede che “4. Ai fini di cui al comma 3, le spese sostenute dal volontario possono essere rimborsate anche a fronte di una autocertificazione resa ai sensi dell'articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, purché non superino l'importo di 10 euro giornalieri e 150 euro mensili e l'organo sociale competente deliberi sulle tipologie di spese e le attività di volontariato per le quali è ammessa questa modalità di rimborso. La disposizione di cui al presente comma non si applica alle attività di volontariato aventi ad oggetto la donazione di sangue e di organi”.

Nelle dichiarazioni sostitutive si rinvia all’art. 38 del citato dpr 445/2000 ai sensi del quale le istanze sono sottoscritte dall'interessato e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Rimborsi spesa ai volontari del soccorso

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_22" titolo_elemento="Perché ai volontari del soccorso non è possibile applicare tale disciplina dei rimborsi spesa?"]Il riferimento ai volontari del soccorso non era legata alla impossibilità di applicare il rimborso spese in autocertificazione ma alla circostanza che il codice del Terzo settore prevede che con riferimento agli operatori che prestano attività di soccorso per le organizzazioni di cui all'articolo 76 della legge provinciale 5 marzo 2001, n. 7, della Provincia autonoma di Bolzano e di cui all'articolo 55-bis della legge provinciale 19 luglio 1990, n. 23, della Provincia autonoma di Trento non si applica la norma che sancisce l’incompatibilità tra volontario e qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di lavoro retribuito con l'ente di cui il volontario è socio o associato o tramite il quale svolge la propria attività volontaria.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Autocertificazione delle spese

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_23" titolo_elemento="È possibile chiarire bene cosa si intende per autocertificazione delle spese (cosa sono e cosa non sono)?"]È possibile, ai sensi dell’art. 17 co. 4 dlgs 117/17 che, purché esista una specifica regolamentazione che consenta l’utilizzo dello strumento della autocertificazione e che determini le attività di volontariato e la tipologia di spese, il volontario autocertifichi le spese sostenute per svolgere l’attività di volontariato.

Le spese che è possibile autocertificare quindi sono solo quelle espressamente previste dalla regolamentazione. Voci tipiche sono ad esempio, la spesa del parcheggio, dell’utilizzo del proprio mezzo, del pasto, del trasporto sostenuto direttamente dal volontario con proprie risorse e di cui chieda il rimborso. Non si ricomprendono tra queste le spese che il volontario ha effettuato per conto dell’ente che richiedono invece una spesa diretta dell’ente e fattura (o “scontrino parlante”) intestata all’ente.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Codici per registrare rimborsi spese

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_24" titolo_elemento="Alla luce del nuovo modello di bilancio (dm del 5.3.20 modello D), con quali codici registrare i rimborsi spese al presidente e ai volontari?"]Tutto dipende dalle scelte che si operano a livello di contabilizzazione. Questa potrebbe essere una proposta:

Per il presidente: Modello D – RENDICONTO PER CASSA – USCITE – lettera E) Uscite di supporto generale – 5) Altre uscite

Per i volontari: Modello D – RENDICONTO PER CASSA – USCITE – lettere da A) ad E) a seconda dell’attività in cui sono impegnati – personale (se è distinguibile dal personale dipendente) oppure Altre uscite[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Rimborso chilometrico

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_25" titolo_elemento="L'Odv può dare un rimborso chilometrico che ecceda le 10 euro giornaliere e le 150 mensili?"]Si, se l’ente nella regolamentazione preventiva del rimborso spese ha optato per un rimborso di tipo analitico con un documento sui km percorsi (es. destinazione- arrivo-motivazione spostamento). Si ricorda di stabilire o un “fisso” al km (entro tariffe ACI) oppure di applicare tariffe ACI e di rispettare i limiti massimi preventivamente stabiliti per questo tipo di rimborso dalla regolamentazione dell’ente.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Rendicontazione rimborso spese viaggi e buoni pasto

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_26" titolo_elemento="Il rimborso spese viaggi del volontario come può essere rendicontato? È possibile dare dei buoni pasto al volontario?"]Se l’ente ha regolamentato i limiti massimi di spesa e le condizioni di rimborso e tra le tipologie di spesa previste è compreso il viaggio del volontario per attività dell’ente, è possibile rimborsare al volontario le spese di viaggio, nel rispetto ovviamente delle condizioni stabilite. È possibile prevedere il sistema buoni pasti al volontario, che saranno naturalmente intestati all’ente al momento dell’acquisto e quindi la relativa spesa (utilizzo da parte del volontario) sarà una spesa documentata come spesa dell’ente.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Vaccinazione Covid

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq_27" titolo_elemento="In base alla normativa attuale i volontari che operano in associazioni di persone disabili devono essere vaccinati contro il covid come il personale dipendente?"]In base alle disposizioni in vigore alla data in cui si scrive (settembre 2022) per medici, infermieri, personale sanitario e personale delle Rsa, l’obbligo di vaccinazione permane fino al 31 dicembre 2022.

Diversi interventi normativi tra il 21 e il 22 sono intervenuti delineando il perimetro dei soggetti interessati in chiave estensiva (tra tutti la legge 76/21) al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, fino a ricomprendervi tutti gli esercenti, le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgano la loro attività in strutture pubbliche o private

La normativa in oggetto disciplina il personale retribuito, non pronunciandosi sui volontari, e quindi lasciando il vuoto normativo su questo aspetto. Si ritiene però che non essendo la differenza di trattamento giustificabile con il semplice fatto della retribuzione o meno (di fatto se l’attività è la stessa, il “pericolo sanitario” è lo stesso), questa regola possa essere applicata dagli enti non profit anche ai propri volontari.

Starà all’ente quindi disporre in tal senso, magari facendo opportune considerazioni che si consiglia di dettagliare in una delibera del Consiglio direttivo o adottando un apposito piano Covid di sicurezza, rimandando il tema ad una generale questione di sicurezza sul lavoro – con le relative responsabilità – sia per gli utenti dell’ente che per gli altri operatori/volontari.

Chiaramente se l’attività avviene in convenzione con ente pubblico, è obbligatorio chiedere disposizioni in tal senso all’ente pubblico in questione (es. azienda ospedaliera).[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][/vc_column][/vc_row]

Leggi tutto
Acquisto ambulanze
Finanziamenti

Oltre 5 milioni e 600 mila euro per acquisto ambulanze, beni strumentali e per strutture sanitarie

Pubblicato il decreto direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che ripartisce le quote per organizzazioni di volontariato e Onlus. Tutti gli importi negli elenchi contenuti nel provvedimento

Leggi tutto

DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Gratuità dell’azione volontaria

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="faq1" titolo_elemento="Sono volontari tutti quelli che operano gratuitamente?"]Il prerequisito perché si parli di attività di volontariato è la natura gratuita della collaborazione ma non tutti coloro che operano gratuitamente sono volontari.

Nell’attività di volontariato deve infatti essere insita la volontà di svolgere attività in favore della comunità e del bene comune, mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per promuovere risposte ai bisogni delle persone e delle comunità beneficiarie della sua azione, in modo personale, spontaneo e gratuito, senza fini di lucro, neanche indiretti, ed esclusivamente per fini di solidarietà.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Volontari free

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_2" titolo_elemento="Come comportarsi nel caso in cui un volontario che si occupa, per esempio, di cura ed attività nel quartiere, si rifiuta di dare i propri dati all’ente, e vuole lo stesso operare senza l'assicurazione giornaliera occasionale? L’ente può comunicargli di non essere autorizzato a intervenire nella zona/o parte di verde da gestita dall’ente stesso (tagliare l'erba o innaffiare o raccogliere rifiuti) e “vietargli” di essere volontario?"]Se un volontario si rifiuta di dare all’ente i suoi dati non può essere qualificato come volontario di quell’ente e pertanto non può utilizzare né le divise né i pettorali dell’ente, né strumenti della stessa, né essere considerato tale dal responsabile del servizio. La dirimente sarà quella di poter esibire elenchi precisi ed ordinati dei volontari in quel momento in servizio. Se poi l’area è sottoposta al controllo e responsabilità dell’ente, sarà possibile anche chiedergli di lasciare l’area in quanto non autorizzato a permanervi. È chiaro che ogni situazione andrà vagliata anche sulla base dello scenario in cui ci si troverà ad operare.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Volontariato occasionale e volontariato continuativo

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_3" titolo_elemento="Come devono essere classificati i docenti che tengono un corso di qualche mese all'anno e non tutti gli anni?"]Si ritiene che i docenti che gratuitamente si impegnano nella realizzazione di un corso siano qualificabili potenzialmente come volontari continuativi perché il corso presuppone un’articolazione nel tempo dell’attività didattica.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_4" titolo_elemento="Come si differenzia l’attività volontaria occasionale da quella duratura? Quante ore o giorni un volontario deve svolgere in un anno per essere annoverato non occasionale? Per esempio, come si può considerare un volontario impegnato per dieci ore a gennaio, luglio, dicembre, ecc.?"]Non ci sono indicazioni normative o di prassi. Nelle more di un chiarimento ministeriale può essere utile regolamentare questo aspetto con delibera dell’organo amministrativo al fine di adottare comportamenti uniformi. I criteri di cui ci si potrebbe astrattamente avvalere sono:

  1. è occasionale il volontario non associato che supporta gratuitamente l’organizzazione in una manifestazione;
  2. è continuativo il volontario che pur intervenendo in iniziative spot si impegna a far parte dello staff che si occupa di tutte le iniziative (per esempio in un gruppo raccolta fondi): criterio della reiterazione dell’azione volontaria;
  3. è tendenzialmente continuativo il volontario che sia anche associato: criterio del legame con l’organizzazione;
  4. è tendenzialmente continuativo il volontario che partecipa a momenti formativi per svolgere l’attività di volontariato: criterio dell’impegno profuso per svolgere l’attività.

Se non ha preso l’impegno per quei mesi, quindi, potrebbe essere un occasionale. Nel qual caso, si ricorda, dovrà essere comunque assicurato ed inserito nell’elenco dei volontari occasionali o nell’apposita sezione del registro volontari.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Attività di “volontariato” nell’ambito di convenzioni con Pubbliche Amministrazioni

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_5" titolo_elemento="Le persone in regime di messa alla prova, coinvolte in lavori di pubblica utilità, affidati ai servizi sociali possono essere considerati volontari? Devono essere quindi iscritti nel registro volontari?"]Nei casi descritti non si parla di volontari – la cui qualifica è subordinata alla circostanza che il collaboratore svolge l’attività per sua libera scelta – ma di collaborazioni gratuite rese nell’ambito di un accordo con le amministrazioni.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

La figura del tirocinante

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_6" titolo_elemento="Il tirocinante è considerato come un dipendente? Può essere anche volontario?"]Il tirocinante non viene considerato un volontario perché la causa dell’impegno risiede nell’acquisizione di competenze nel percorso curriculare o extracurricolare. In entrambi i casi non si configura come rapporto di lavoro.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Volontariato e crediti formativi

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_7" titolo_elemento="Come si inquadrano i volontari legati ai “Crediti formativi”? Da quante ore si possono considerare “continuativi” e per quanto tempo?"]Non è la permanenza del servizio che qualifica il volontario continuativo quanto piuttosto che lo stesso volontario si sia attenuto alla procedura prevista dallo statuto dell’ente per diventare tale (per esempio: domanda di ammissione, contratto di volontariato, delibera di ammissione, partecipazione a corsi di formazione, anzianità di servizio, iscrizione nel registro dei volontari, copertura assicurativa, ecc.). Per poter usufruire dei crediti formativi, inoltre, dovrà essere analizzato il protocollo dell’ente che li rilascerà in quanto su quel documento potrebbero essere inserite precisazioni relative alla frequenza. È chiaro che ogni situazione andrà vagliata anche sulla base dello scenario in cui ci si troverà ad operare.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Differenza tra associati e volontari

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_14" titolo_elemento="Nel caso in cui i soci di un’organizzazione di volontariato siano anche i soli volontari continuativi, è necessario tenere due registri distinti per i soci e i volontari? È possibile tenere un unico registro (vidimato e con pagine numerate) menzionando che i soci sono anche volontari."]No, concettualmente il libro soci ed il registro volontari sono due documenti distinti.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_13" titolo_elemento="Qual è la modalità per un associato ammesso all'associazione ai sensi dello statuto (art 21-23 CTS) per dichiararsi eventualmente anche volontario nella realizzazione di progetti e iniziative relative all'attività di interesse generale svolta dalla stessa associazione? Deve rilasciare al Consiglio Direttivo una dichiarazione scritta? Nel caso di un non associato che volesse per un'occasione particolare partecipare come volontario ad una determinata attività, come deve esprimere ufficialmente questa sua volontà?"]Non è espressamente previsto come obbligatorio ma sicuramente può essere utile far compilare un modulo per la manifestazione di volontà di collaborare alle attività associative come volontari, continuativi o occasionali. Questa manifestazione di volontà può avvenire nella domanda di ammissione, tanto più se si tratta di un modulo che viene compilato annualmente per l’aggiornamento dell’anagrafica dell’associato e l’eventuale rinnovo del consenso al trattamento dei dati personali ed eventualmente al trattamento dell’immagine del socio dell’associato. In alternativa può trattarsi di un modulo distinto.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_12" titolo_elemento="Quando un socio acquisisce il ruolo di “volontario” e va assicurato? Solo nei casi in cui fa un’attività che comporta dei rischi o sempre e comunque? C’è differenza tra un socio che fa ricerca e un socio che organizza e gestisce un evento di divulgazione?"]La qualifica non è legata al rischio ma alla circostanza che nell’attività gratuita resa sia insita la volontà di svolgere attività in favore della comunità e del bene comune, mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per promuovere risposte ai bisogni delle persone e delle comunità beneficiarie della sua azione, in modo personale, spontaneo e gratuito, senza fini di lucro, neanche indiretti, ed esclusivamente per fini di solidarietà.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_11" titolo_elemento="I volontari occasionali (es: autista per pulmino disabili per dieci giorni o persone impegnate solo per supporto in piscina durante il periodo estivo ecc.) in quale registro devono essere indicati?"]Nell’elenco dei volontari occasionali o in apposita sezione del registro volontari.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_10" titolo_elemento="Un volontario può essere solo volontario e non socio? In quale registro va indicato? Chi fa volontariato in via continuativa deve per forza essere socio o può essere un volontario esterno?"]È possibile avvalersi di volontari non associati anche nel caso in cui prestino la propria collaborazione in via continuativa. Questi dovranno risultare nel registro volontari ed essere debitamente assicurati.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_9" titolo_elemento="In un ente esistono soci-fondatori e nuovi associati. Di tutti, alcuni sono soci-volontari. Solo quest’ultimi vanno iscritti nel libro dei soci-volontari?"]Nel registro volontari vanno inseriti esclusivamente i volontari, sia associati che non associati. Il volontario è una persona che, per sua libera scelta, svolge attività in favore della comunità e del bene comune, mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per promuovere risposte ai bisogni delle persone e delle comunità beneficiarie della sua azione, in modo personale, spontaneo e gratuito, senza fini di lucro, neanche indiretti, ed esclusivamente per fini di solidarietà. L’ente sceglie le modalità con cui raccogliere la disponibilità dei volontari (associati o meno) e in ogni caso li inserisce nel registro dei volontari.[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_8" titolo_elemento="In un’organizzazione di volontariato composta principalmente da soci-familiari di persone con disabilità, tra i soci familiari ci sono coloro che hanno iniziato il progetto di costruzione di una casa per disabili. Soci-fondatori e soci-familiari sono diventati soci di recente. In questo caso, dove è possibile distinguere le categorie dei soci, cioè soci-fondatori ed altri soci? Nel libro degli associati? Si consideri che lo statuto già adeguato non riporta la distinzione dei soci."]È possibile – ma non obbligatorio – prevedere diverse categorie di soci purché ad essi siano garantiti gli stessi diritti. La previsione viene indicata in statuto.

Nel libro degli associati vanno inseriti tutti gli associati. L’associato è colui che aderisce all’ente perché ne condivide i relativi scopi istituzionali e a cui devono essere garantiti i diritti di partecipazione democratica alla vita associativa. La domanda di ammissione viene accolta nelle modalità indicate in statuto e viene comunicata all’interessato la relativa accettazione (art. 23 dlgs 117/17) quindi l’associato viene inserito nel libro degli associati.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Qualificazione dei componenti l’organo amministrativo come volontari

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_9" titolo_elemento="I membri degli Organi direttivi (Consiglio direttivo, Collegio dei Probiviri, Collegio dei revisori dei conti, segretario) sono da considerarsi a tutti gli effetti dei volontari, da iscrivere quindi nel registro dei volontari e, in quanto volontari, da assicurare, indipendentemente dal grado di partecipazione alle attività dell’associazione? Se per esempio un membro degli organi direttivi partecipa solo alle riunioni..."]I componenti dell’organo amministrativo possono essere considerati volontari e possono rientrare tra i volontari continuativi laddove non percepiscano indennità di carica (espressamente esclusa esclusivamente per le organizzazioni di volontariato salvo che per i componenti dell’organo di controllo professionisti) né compensi.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

In che termini si definisce la prevalenza di attività di volontari associati?

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_10" titolo_elemento="Chi sono i lavoratori da computare?"]I volontari possono essere presenti in tutti gli enti del Terzo settore (Ets) ma nelle organizzazioni di volontariato (Odv) e associazioni di promozione sociale (Aps) sono essenziali ai fini qualificatori (devo quantificarne la presenza) mentre nelle imprese sociali devono essere «accessori».

Con riferimento alle Odv si applicano i seguenti vincoli:

  • si avvalgono «in modo prevalente dell'attività di volontariato dei propri associati o delle persone aderenti agli enti associati» (art. 32 CTS);
  • il numero dei lavoratori impiegati nell'attività non può essere superiore al 50% del numero dei volontari (art. 33 CTS).

Con riferimento alle Aps si applicano invece i seguenti vincoli:

  • si avvalgono in modo prevalente dell'attività di volontariato dei propri associati o delle persone aderenti agli enti associati (art. 35 CTS);
  • il numero dei lavoratori impiegati nell'attività non può essere superiore al 50% del numero dei volontari o al 5% del numero degli associati (art. 36 CTS).

Per quanto concerne la quantificazione dei lavoratori, il Ministero del Lavoro (nota n. 18244 del 30 novembre 2021) afferma che devono essere comunicati e computati solo i dati di dipendenti e collaboratori coordinati e continuativi con tutela Inail. Il Ministero afferma però "con esclusione, pertanto, dei lavoratori occasionali o di quanti svolgono una tantum prestazioni lavorative di carattere autonomo. Difatti, l’inclusione anche di questi ultimi tra i lavoratori (ovvero al numeratore del rapporto lavoratori/volontari di cui alla norma) potrebbe comportare l’equiparazione di situazioni recanti oggettiva disomogeneità".

In sintesi, nelle Aps si devono calcolare e comunicare solo i dati di dipendenti e co.co.co. ai fini del requisito di cui al punto 2 ma ai fini del requisito di cui al punto 1 è bene monitorare anche i lavoratori autonomi, soprattutto i titolari di partita iva che svolgono una prestazione continuativa nei confronti dell’associazione.

Per quantificare i volontari si ricorre al criterio capitario (nota n. 18244 del 30 novembre 2021 del Ministero del Lavoro) non assumendo rilevanza l’impegno di ore profuso, criterio questo necessario esclusivamente per calcolare i costi figurativi dell'ente (dm 19 maggio 2021 n. 107). In assenza di indicazioni di prassi, si consiglia di computare solo i volontari continuativi il cui numero va comunicato nel registro unico nazionale del Terzo settore (Runts).[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Assunzione della qualifica di volontario

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_11" titolo_elemento="È solo il volontario che decide di non aderire all'organizzazione? O può essere anche l'organizzazione a decidere?"]Gli enti del Terzo settore costituiti in forma associativa devono essere strutture aperte all’adesione di nuovi associati: è vietata qualsiasi forma di discriminazione nell’accesso all’associazione (art. 21 CTS), al contempo l’adesione all’associazione è libera per cui chi si candida a svolgere l’attività di volontario potrebbe scegliere di non presentare la domanda di ammissione.

Si ricorda che il Ministero del Lavoro si è soffermato sul tema delle discriminazioni nella nota n. 18244 del 30 novembre 2021 e nella nota n. 1309 del 6 febbraio 2019.

L’assunzione della qualifica di volontario è in ogni caso subordinata al rispetto delle disposizioni regolamentari di cui si è dotato l’ente (es: partecipazione obbligatoria ai percorsi formativi).[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]Pagamento quota sociale[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_12" titolo_elemento="I volontari sono tenuti a pagare la quota sociale?"]Se sono associati sono tenuti a concorrere alle spese generali dell’ente nelle modalità contemplate dall’ente stesso che può prevedere sia il versamento di una quota all’atto dell’ammissione che un contributo associativo annuale.

Se sono esclusivamente volontari – salva diversa previsione statutaria o regolamentare – non sono chiamati a versate contributi associativi.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Volontariato nelle imprese sociali e nelle cooperative sociali

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_13" titolo_elemento="Una Cooperativa sociale potrebbe avere, accanto a soci lavoratori (retribuiti da CCNL) e soci volontari (non retribuiti, ma solo eventuali rimborsi spesa) che operano in maniera continuativa, anche dei volontari non soci (non retribuiti, solo eventuali rimborsi spesa) che contribuiscono a portare avanti la mission della coop sociale in maniera occasionale e non continuativa? Possono quindi coesistere le due forme di volontariato in una cooperativa sociale (soci volontari e volontari non soci)? Le attività svolte dal volontario in un’impresa sociale, devono essere, o è preferibile che siano, diverse dalle attività ordinarie dei dipendenti? Come si valuta il rapporto tra volontari e lavoratori in un'impresa sociale? È possibile che in un ente ci siano ad esempio 2 lavoratori a tempo pieno e 10 volontari che vengono ciascuno 2 ore a settimana? In questo caso, è possibile avere al massimo 2 volontari anche se ovviamente con impegno decisamente inferiore ai lavoratori?"]Il numero dei volontari impiegati nell'attività d'impresa, dei quali l'impresa sociale deve tenere un apposito registro, non può essere superiore a quello dei lavoratori (art. 13 dlgs 112/2017) fatta salva la specifica disciplina degli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Nelle cooperative sociali è ammessa la presenza di soci volontari ma il loro numero non può superare la metà del numero complessivo dei soci (Ministero dello Sviluppo economico nota del 31/1/2019) e nella gestione dei servizi di cui all'articolo 1, comma 1, lettera a) contrattualizzati con la PA (quindi servizi socio-sanitari ed educativi), le prestazioni dei soci volontari possono essere utilizzate in misura complementare e non sostitutiva rispetto ai parametri di impiego di operatori professionali previsti dalle disposizioni vigenti (legge 381/91).[/vc_cantiereaccordion][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_14" titolo_elemento="Nelle cooperative sociali è prevista la presenza esclusivamente di volontari soci o possono esserci volontari non soci come negli altri enti del Terzo settore?"]Sul tema si evidenziano due possibili interpretazioni:

  1. a) devono essere necessariamente soci per espressa indicazione dell’art. 2 della legge 381/91: le previsioni del dlgs 112/17 sono applicabili alle cooperative sociali solo per quanto non già disciplinato dalla normativa speciale e in quanto compatibili (posizione assunta dell’Alleanza delle cooperative italiane nella nota del 25/3/2021);
  2. b) possono essere anche non soci: «la polizza assicurativa stipulata dalla cooperativa sociale in favore dei propri volontari (attenzione: sia soci sia terzi) deve coprire non solo «gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali» (art. 2, comma 3, legge n. 381/1991, integrato dal dm 11 giugno 1992, valevole solo per i soci volontari) ma anche «la responsabilità civile verso i terzi (art. 13, comma 2, terzo periodo, dlgs n. 112/2017)» (posizione che si evince dalla lettura di una nota in calce allo studio del Notariato 205/2018).

[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Volontariato in organizzazioni non enti del Terzo settore

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_14" titolo_elemento="Una associazione non iscritta al registro unico nazionale del Terzo settore (Runts) ha l'obbligo del registro dei volontari e di conseguenza di assicurare i volontari?"]Laddove non ci sia una norma che ne prevede l’obbligatorietà (come è previsto per esempio nella riforma dell’ordinamento sportivo) non si configura l’obbligo giuridico ma l’opportunità di assicurare i volontari. In questo caso si deve verificare con l’istituto assicurativo quali siano le condizioni della polizza e le informazioni che è pertanto necessario fornire con riferimento ai volontari.[/vc_cantiereaccordion][vc_separator][vc_empty_space][vc_column_text]

Incompatibilità tra volontario e lavoratore

[/vc_column_text][vc_cantiereaccordion id_elemento="Faq_15" titolo_elemento="I soci possono usufruire delle prestazioni occasionali? In una associazione di promozione sociale che organizza corsi e attività culturali, un associato che riceve un compenso di prestazione occasionale per l'attività di docenza di uno specifico corso (ben individuabile come durata) qualora svolga attività diverse (organizzazione, promozione…) in altri momenti, non retribuite, può essere considerato, per queste attività, volontario? Può il volontario essere prestatore d'opera?"]Il codice del Terzo settore afferma l’assoluta incompatibilità tra la figura del volontario e quella di lavoratore retribuito a prescindere dalla tipologia di inquadramento lavoristico, inclusa pertanto la collaborazione di natura autonoma occasionale. Questo ovviamente non inibisce la possibilità per una persona di cambiare il proprio rapporto con l’ente del Terzo settore nel tempo e non è infrequente che le persone che crescono all’interno dell’organizzazione come volontarie acquisiscano quel mix di competenze necessarie per poter operare al meglio, ma non potrà mai coesistere nella stessa persona la contemporanea qualifica di volontario e persone retribuita. Sarà in questo caso necessario conservare la documentazione attestante la volontà di non prestare più l’attività in qualità di volontario, con la conseguente cancellazione dal registro dei volontari.

Si ricorda che a parere del Ministero del Lavoro (nota n. 18244 del 30 novembre 2021) i soci delle organizzazioni di volontariato non possono in ogni caso essere retribuiti.[/vc_cantiereaccordion][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][/vc_column][/vc_row]

Leggi tutto
70 milioni di euro attività interesse generale
Attività di interesse generale

Oltre 70 milioni di euro per le attività di interesse generale per il Terzo settore

Pubblicato il decreto direttoriale del Ministero del Lavoro che stabilisce il riparto regionale per interventi locali per organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e fondazioni. Si tratta di oltre 23 milioni di euro per il 2022, 20 milioni per il 2023 e 22 milioni per il 2024. Disponibile anche il decreto con le risorse della Campania

Leggi tutto
Ristori covid
Coronavirus

Ristori covid19, prorogata al 31 gennaio la consegna dell’autodichiarazione

Arriva la proroga per la presentazione della documentazione che va inviata seguendo le indicazioni dell’Agenzia delle entrate. Ecco i riferimenti al modello e alle istruzioni

Leggi tutto
Registro unico terzo settore
Registro unico nazionale del Terzo settore

Registro unico Terzo settore, pubblicato il primo elenco di enti trasmigrati

Si tratta di organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale che avranno tempo 90 giorni a partire dal 24 novembre per aggiornare le informazioni e depositare gli atti

Leggi tutto
amministrazione condivisa
Riflessioni

Amministrazione condivisa o esternalizzazione dei servizi, come scegliere?

Una riflessione a cura di Alceste Santuari su quali sono i criteri da seguire per utilizzare i dispositivi previsti dal codice del Terzo settore – co-programmazione, co-progettazione o partenariato – oppure quelli del codice dei contratti pubblici

Leggi tutto
Registro volontari
Registro volontari

Anche il segretario comunale può vidimare il registro dei volontari

Lo chiarisce il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in una nota in risposta a un quesito del Comune di Stanghella in quanto rientra tra le figure abilitate e quindi i pubblici ufficiali

Leggi tutto
Bilanci terzo settore

Le ultime novità su redazione e deposito bilancio per gli enti del Terzo settore

Arrivano nuovi chiarimenti ministeriali anche sulla gestione del rendiconto delle raccolte fondi e specifiche indicazioni per gli enti dotati di personalità giuridica. Nella stessa nota, alcune precisazioni per gli uffici del registro unico a conclusione del procedimento di “trasmigrazione”

Leggi tutto
Caro energia
Sostegni

Caro energia, in arrivo 220 milioni di euro per il Terzo settore

Con la conversione in legge dei dl “Aiuti ter” e l’entrata in vigore del dl “Aiuti quater” due diversi fondi a sostegno degli enti del Terzo settore gestiti dal Ministero dell’Economia e delle finanze e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Sostegni anche per lo sport, i luoghi della cultura e la scuola

Leggi tutto

La cassetta degli Attrezzi

Gli strumenti utili al non profit

vai alla sezione
cassetta degli attrezzi

Registrati alla Newsletter

Un Progetto di

forum terzo settore
CSVnet