PROGETTO

Capacit’Azione è un progetto di formazione e informazione sulla riforma del terzo settore, l’insieme di provvedimenti legislativi che riordina e cambia l’intero sistema dell’impegno sociale organizzato. Grazie a un ciclo strutturato di circa 200 moduli didattici su tutto il territorio nazionale, saranno formati oltre 1.300 esperti che diventeranno, a loro volta, formatori per gli enti del terzo settore (Ets) di tutta Italia sui temi della riforma. Saranno coinvolti più di 130 funzionari e dirigenti della pubblica amministrazione.

Si tratta di un programma di formazione di alto livello mai realizzato in precedenza. I suoi obiettivi sono:

  • innalzare il livello di conoscenze e abilità necessarie per l’attuazione della riforma nelle regioni italiane e per gestirne tutte le novità in modo autonomo e consapevole;
  • favorire l’innovazione organizzativa da parte degli Ets;
  • avviare confronti e collaborazioni tra gli Ets e i soggetti pubblici e privati interessati a vario titolo dalla riforma.

Capacit'Azione è realizzato dal Forum Terzo Settore Lazio in collaborazione con il Forum Nazionale del Terzo Settore e CSVnet, con la partnership di Anpas, Anteas, Arci, Auser e CdO-Opere sociali. Collaboratori di sistema sono Acli, Anci Lazio, Anffas, Pro Bono Italia, Coordinamento periferie, Legambiente, Leganet e Legautonomie.

Il progetto è reso possibile dai fondi del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in seguito all'Avviso per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell'articolo 72 del Codice del terzo settore (decreto legislativo 117/2017).

Grazie al lavoro di decine di docenti e uno staff di oltre 40 persone, il progetto intende raggiungere almeno il 50% degli enti di terzo settore italiani e in particolare le tante realtà coinvolte nelle modifiche statutarie. L’attività formativa di Capacit’Azione è caratterizzata da un meccanismo “a cascata” che permette di potenziare le competenze contenendo i costi e di favorire una crescita collettiva più omogenea. Ciò affinché il mondo del terzo settore sia sempre più in grado di contrastare le disuguaglianze ed operare per società inclusive, sostenibili e giuste, rafforzando la cittadinanza attiva e la responsabilità collettiva.

La riforma del terzo settore apre a nuove opportunità per tutto il sistema. Conoscere a fondo obblighi e possibilità aperte dal nuovo quadro normativo è il punto di partenza per innovare un settore che, come dimostrano i dati dell’ultimo censimento Istat dedicato al non profit in Italia, è in continua evoluzione: tra il 2011 e il 2015 le istituzioni non profit sono aumentate dell’11,6 per cento, passando da 301 mila a 336 mila, di cui 267 mila con volontari al loro interno (+9,9 per cento) e con un aumento del 15,8 per cento del numero di dipendenti (da 680 mila a 788 mila).

Sono otto le unità didattiche individuate, strutturate in moduli obbligatori e a scelta. Si tratta di macro aree funzionali e strategiche per la vita e lo sviluppo degli Ets e su cui la riforma interviene radicalmente:

  1. Contesto, senso ed obiettivi generali della riforma (obbligatorio)
  2. Strumenti e metodologie didattiche (obbligatorio)
  3. Sviluppo istituzionale. Vita sociale, volontariato, regole di funzionamento degli Ets (a scelta)
  4. Amministrazione e fiscalità degli Ets (a scelta)
  5. Finanza sociale, politiche di sostegno, dei beni comuni, dismessi e confiscati; strumenti di sviluppo degli Ets (a scelta)
  6. Centri di servizio per il volontariato (a scelta)
  7. Trasparenza, comunicazione sociale e qualità (a scelta)
  8. Sussidiarietà e rapporti con la Pubblica amministrazione, co-programmazione, co-progettazione, forme di convenzionamento, accreditamento e affidamento dei servizi (a scelta)

I destinatari del progetto saranno selezionati in base all’esperienza come formatori e alla conoscenza dei temi trattati dalla riforma. Le lezioni saranno strutturate principalmente su base regionale, grazie alla collaborazione dei referenti locali e alla rete dei Centri di servizio per il volontariato e degli aderenti al Forum nazionale del terzo settore.

Fare cultura della riforma significa anche tradurne i contenuti per renderli accessibili a un pubblico il più vasto possibile. Alle attività formative, infatti, si aggiunge il presente portale informativo destinato a tutto il terzo settore, per accompagnarlo in questa fase di cambiamento.

Qui il link per scaricare il banner promozionale del sito.

Leggi anche:

Al centro del volontariato: i Csv si raccontano con un tour nazionale

“Open day” CSV: le ultime 10 date del tour

Dare voce al terzo settore per indirizzare la riforma

“Al centro del volontariato” per fare il punto sulla riforma del terzo settore

La riforma del terzo settore spiegata bene. I numeri di Capacit'Azione

Capacit’Azione, la formazione che prepara il terzo settore al cambiamento

“La riforma. Istruzioni per l’uso”, ecco la guida on line sul terzo settore

 

Marzo 2020
L M M G V S D
1
2 3 4
10 12 13 14 15
16 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
Torna su