CSVnet e Forum Terzo settore insieme anche sulla riforma

L’accordo tra i due enti siglato il 26 giugno prevede anche un impegno comune per monitorarne l’attuazione, con uno sguardo vigile a tutta la normativa

Print Friendly, PDF & Email

L’accordo di collaborazione tra CSVnet e Forum terzo settore firmato il 26 giugno prevede anche un impegno comune per monitorare l’attuazione della riforma del Terzo settore. Tra le strategie condivise dalle due reti nazionali, infatti, c’è l'attivazione di incontri periodici bilaterali tra i rispettivi organi coinvolti nelle questioni vicine all'attuazione della riforma, e più in generale sulla normativa.

Il protocollo ufficializzato a Roma in occasione dell'Assemblea annuale di CSVnet dal presidente Stefano Tabò e dalla portavoce del Forum del Terzo Settore Claudia Fiaschi. Una collaborazione già rodata, quella tra le due reti nazionali che ha portato in questi anni a progettualità e visioni comuni con risultati importanti come quelli conseguiti nel processo di attuazione della riforma del Terzo settore o come nel progetto di formazione dei quadri del Terzo settore, Fqts.

Nel documento CSVnet e Forum del Terzo Settore si impegnano a perseguire finalità comuni nella programmazione di attività, provvedimenti, politiche o iniziative da portare avanti. Una collaborazione reciproca che diventa condivisione strategica di obiettivi e finalità con piani di lavoro comuni e monitoraggio dei risultati, a partire da questioni attinenti la normativa sul Terzo settore, e nel rispetto delle funzioni e delle iniziative dei propri associati e sui territori.   

Partecipazione, confronto, sussidiarietà, solidarietà e coesione sociale sono valori fondanti su cui è stipulata la collaborazione tra Forum del Terzo Settore e CSVnet. Un altro nodo centrale del protocollo è la riflessione comune sugli indirizzi strategici generali da perseguire tramite le risorse del Fondo unico nazionale - alimentato dai contributi annuali delle Fondazioni di origine bancaria che è amministrato dall’Organismo nazionale di controllo - e per favorire il pieno sviluppo del sistema dei centri di servizio per il volontariato.

Con questo accordo Forum e CSVnet si impegnano a dare grande valore agli strumenti della qualità sociale – dai bilanci alla valutazione di impatto, all’autocontrollo – e all’affermazione di governance partecipate. Un impegno comune verrà poi messo in campo per l’infrastrutturazione ed il rafforzamento del Terzo settore e delle sue capacità organizzative, per lo sviluppo sostenibile, nella finanza etica e sostenibile, nella promozione della cultura del volontariato in particolar modo tra i giovani, nel riconoscimento delle competenze acquisite con l'attività di volontariato e nel rapporto con le istituzioni pubbliche ed i diversi attori territoriali, in un’ottica di sussidiarietà, coprogrammazione e coprogettazione, e di amministrazione condivisa.

“Una collaborazione sempre più stretta e sinergica fra due realtà autonome nella loro diversa funzione di rappresentanza e di servizio per il mondo del volontariato – affermano Fiaschi e Tabò –  e che hanno comuni valori e un comune impegno per trasferire ed estendere la collaborazione nascente anche su scala territoriale.”

CSVnet e Forum Nazionale del Terzo settore lavorano insieme anche per la divulgazione della normativa sul non profit e sulla riforma con il progetto di comunicazione www.cantiereterzosettore.it, “voce” dell’ufficio giuridico-legislativo, frutto della collaborazione tra i due enti con l’obiettivo di sviluppare e promuovere cultura e ricerca sulla riforma, la nuova legislazione e il suo impatto, sia teorico che pratico.

A questo link il testo dell'accordo.

Registrati alla Newsletter

Un Progetto di

forum terzo settore
CSVnet